Partito Nazionale: Lega

Leader: Matteo Salvini

Gruppo europeo di appartenenza: “Europa delle Nazioni e della Libertà” (ENF)
Oltre alla Lega, ENF potrà contare anche sui francesi  del Raggruppamento Nazionale di Marine Le Pen, sul Partito delle Libertà austriaco del vice cancelliere Heinz-Christian Strache e sul Partito per la Libertà olandese di Geert Wilders. Insieme ai fiamminghi belgi di Vlaams Belang, hanno aderito al gruppo anche i tedeschi di Alternativa per la Germania (AfD), il Partito del Popolo Danese e i Veri Finlandesi.

Obiettivi? “Sottolineare le comuni radici cristiane, difendere l’identità nazionale, la supremazia della Costituzioni italiana sulle leggi e le direttive europee”, dichiara il leader della Lega, Matteo Salvini. Ma svisceriamo i vari punti del programma per macro-aree.

  • Politica economica: Come preannunciato da Claudio Borghi (Presidente della 5ª Commissione Bilancio della Camera dei deputati), dal punto di vista economico si punta a “superare la politica di austerità: ogni governo deve avere la possibilità di decidere la propria politica economica: flessibilità in base al ciclo economico”.
  • Politica migratoria: il leader della Lega propone “barriere e lotta all’immigrazione con la protezione delle frontiere esterne, sì ai rimpatri no alla redistribuzione tra i Paesi europei dei migranti”.

Altri punti del programma sono poi il contrasto all’asse Francia-Germania consacrato dal rinnovato Trattato di Aquisgrana, l’opposizione alla politica di austerità imposta dalla Banca centrale europea e all’entrata della Turchia nell’Unione.

 

Idea di Europa
Salvini, con la sua candidatura all’Europarlamento, punta ad una Europa delle nazioni, ad un ridimensionamento del ruolo di Bruxelles e ad una concentrazione della sovranità nei singoli Stati. Un ruolo chiave per una maggiore comprensione dell’Europa leghista è dato dalla definizione di “sovranismo”, apostrofe che gli eurodeputati e i parlamentari nazionali della Lega hanno più volte evidenziato come tratto caratteristico. Secondo quanto riportato da Trecani, il sovranismo è una “posizione politica che propugna la difesa o la riconquista della sovranità nazionale da parte di un popolo o di uno Stato, in antitesi alle dinamiche della globalizzazione e in contrapposizione alle politiche sovrannazionali di concertazione”.

 

Alleati
Da subito, il blocco dei sovranisti ha puntato forte sull’obiettivo di assicurarsi una presenza decisiva all’interno dell’Europarlamento; una presenza da far valere in sede di negoziato con gli altri gruppi parlamentari. Nella prospettiva di un’alleanza tra le destre dell’Assemblea di Strasburgo e il centrodestra del PPE, il vicepremier italiano Matteo Salvini e il Primo ministro dell’Ungheria Victor Orbán hanno così iniziato un flirt politico che sembrava poter produrre anche qualcosa di concreto. Il sogno del Carroccio di creare un unico blocco della destra in Europa è stato quindi infranto quando il Ppe ha sospeso il partito di Orbàn (FIDESZ) dalla sua membership. A Salvini non è poi andata meglio quando ha provato a creare una “lega delle leghe” (ne abbiamo parlato qui), dalla quale si sono sfilati i polacchi di Diritto e giustizia (PiS).

Percentuale dei voti conquistati nelle elezioni europee del 2014: 6,15%

Seggi conquistati nelle elezioni europee del 2014: 5 seggi

Capilista circoscrizioni: Matteo Salvini, in tutte le circoscrizioni. Per conoscere i nomi degli altri candidati è possibile consultare questo link.

Dal lunedì al venerdì, fino a domenica 26, verranno caricati i programmi elettorali degli altri partiti candidati.  Rimani aggiornato con la nostra rubrica eLezioni²! Qui il link.

Leggi anche:#eLezioni²: chi, come e quando si vota