A partire da domani, per tutta la prossima settimana fino al 1 giugno, Altamura sarà la casa della “Rassegna Internazionale del Teatro Classico Scolastico” presso il Liceo Cagnazzi. Un festival dalle vesti internazionali nato per favorire il confronto di esperienze e una leale competizione tra licei italiani ed europei impegnati nell’ambito del Teatro classico greco-latino.

IL CONCORSO

Durante la settimana dedicata alla Rassegna, ormai giunta alla XXV edizione, i gruppi teatrali delle scuole partecipanti, mettono in scena i loro lavori con il piacere di gareggiare e di vincere nel pieno rispetto dello spirito agonistico ‘olimpico’, che consente un arricchimento reciproco attraverso il confronto con altri gruppi, con altre letture, con altre scelte. Una imperdibile occasione per riscoprire l’attualità del teatro classico, nonché l’occasione di esibire (e di esibirsi) nel lavoro di interpretazione e di creazione; per testimoniare che la modernità ha molti secoli di storia;a per dimostrare che i giovani sono in grado di interrogarsi ancora con spirito critico e fantasia dei miti del passato; per creare scambi e confronti di esperienze e di idee in un luogo di dibattito e di apertura agli altri.

IL CONVEGNO-SEMINARIO

Al fine di favorire il dibattito e la riflessione sui temi in questione, il Liceo “Cagnazzi” organizza, ogni anno, in occasione della Rassegna, un Convegno-Seminario in cui il mondo della scuola incontra rappresentanti della comunità scientifica, professionisti ed esperti di teatro, scrittori, filosofi ed intellettuali.

Il 27 maggio dalle 9.30 alle 11, con i saluti dellʼattuale dirigente scolastico del Liceo Cagnazzi, prof. Biagio Clemente e dellʼAssessore alla Cultura del Comune di Altamura Nino Perrone, avrà inizio la settimana teatrale. Successivamente ci saranno gli interventi della prof.ssa coordinatrice Anna Cornacchia, del fondatore prof. Filippo Tarantino e della prof.ssa Raffaella Cassano della DISUM,Università di Bari. La seconda parte della mattinata vede la partecipazione della prof.ssa Agnese Ilaria Telloni dellʼUniversità di Ancona e del prof. Piero Totaro della DISUM. Dalle 15 alle 17 parleranno la Presidente AGITA Loredana Perissinotto, Onelia Bardeli della Direzione artistica Rassegna di Louvre e il registra Alessandro Fiorella, del Liceo ‘ʼPepe Calamoʼʼdi Ostuni.

IL PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

Un programma denso che vede come protagonisti gruppi teatrali di Mosca, Belgrado, Roma, Voghera, Comiso, Acerra, Policoro, Ostuni, Trani, Bari, Corato, Mola, Triggiano, Ruvo e Altamura. Qui il programma della XXV edizione della Rassegna.

LICEO CAGNAZZI: IL MISTERO DI ALCESTI

Il liceo “Cagnazzi” questʼanno porta in scena, il 1 giugno alle ore 20.30, il “Mistero di Alcesti” di Marguerite Yourcenar. Una tragedia, a lieto fine, che narra il mito, di amore e morte, di Alcesti e Admeto. “Il mistero di Alcesti” è la storia di una donna che offre la propria vita in cambio di quella del marito. Il suo destino è appeso ad un filo, ma a cambiarne le sorti sarà l’arrivo dell’eroe greco più amato della storia della letteratura, autore delle dodici fatiche, il mitico Ercole. Lʼautrice rimane fedele al modello Euripideo ma ne cambia lʼambientazione, concentrandosi sul rapporto problematico tra i due sposi che si risolve con la presa di coscienza di Admeto. La premiazione avverà alle 19.30, dopo il verdetto della giuria, prima dello spettacolo del Liceo Cagnazzi, che non gareggiando vuole essere un tributo agli ospiti.

LA MOSTRA

Tutti i giorni, a partire dalle 17 sarà aperta la mostra, in tutti i giorni del progetto, tranne di mattina per via delle lezioni. Saranno esposte le foto dei 25 anni di storia della Rassegna e verrà proiettato un video con le locandine e foto degli spettacoli passati, intervallati da frasi dei testi delle tragedie.

LA PRIMA RASSEGNA

La Rassegna del teatro classico trova le sue radici nel 1996, dal preside del Liceo Cagnazzi di Altamura, prof. Filippo Trantino e dal coordinamento della prof.ssa Donata De Ruvo. Il laboratorio aveva lo scopo di far comprendere meglio i testi classici e dal 1996 ad oggi la rassegna ha sede, ogni anno, nellʼatrio dello stesso liceo. Dal 2000 ospita, oltre che gli studenti Italiani, anche russi, rumeni e della Repubblica Ceca. Continua nella sua attività grazie al sostegno del Comune di Altamura e con la collaborazione del Ministero dellʼIstruzione dellʼUniversità e della Ricerca, dellʼEnte Teatrale Regionale del Friuli Venezia Giulia, dellʼIstituto Nazionale del Dramma Antico, dellʼEnte Teatrale Italiano e dellʼAssociazione AGITA.

Ora che avete tutte le informazioni… Non mancate!

 

Leggi anche: “Cristo Che Parla”: Il Meraviglioso Crocifisso Ad Altamura