Come è possibile che alla Sapienza di Roma ci sia una cattedra finanziata da un regime autoritario? A lanciare l’allarme sei mesi fa è stato Riccardo Noury, portavoce italiano di Amnesty International, da sempre impegnata nella difesa dei diritti umani. Bahrain

Lo scorso 5 novembre, nell’Aula magna del Palazzo del Rettorato della Sapienza, si è svolta la cerimonia di inaugurazione della cattedra “Re Hamad sul Dialogo tra le religioni e la pacifica convivenza”. La legge che disciplina i finanziamenti privati alle Università italiane è la Riforma Ruberti del 1990. Da oltre trent’anni però, persiste un assordate silenzio normativo riguardo le frontiere etiche che questi sussidi economici non dovrebbero poter valicare. Le lacune giuridiche consentono ora alla prestigiosa Prima Università di Roma di percepire – con procedura del tutto legale.– dei finanziamenti dal re del Bahrain per l’istituzione di una cattedra universitaria dedicata al dialogo interreligioso. Grazie al lavoro di Amnesty, emergono quindi i caratteri assai contraddittori di una procedura che consente a un regime repressivo di acquistare spazi pubblicitari nelle Università Italiane. L’immagine del filantropo arabo che ha a cuore la convivenza pacifica e il dialogo tra religioni sembra contrastare di gran lunga con la realtà.

Sapienza Bahrain

Chi è Hamad, re del Bahrain

Sua Maestà il re del Bahrain Hamad bin Isa al-Khalifa, oltre ad essere persecutore della maggioranza musulmana sciita in patria, è anche autore dei massacri civili in Yemen. Secondo il recente rapporto dello Human Rights Watch, in Bahrain le corti civili continuano a condannare e imprigionare dissidenti pacifici – compresi importanti difensori dei diritti umani e leaders dell’opposizione – sotto le mentite spoglie della sicurezza nazionale. Nel gennaio del 2018, tramite regio decreto e su ordine del Ministro dell’Interno, 243 persone (per un totale di 764 dal 2012) sono state private della loro cittadinanza e dei diritti ad essa connessi. Il Bahrain Institute per i diritti e la democrazia riporta anche che alcuni di loro siano stati deportati in Iraq, poiché aploidi. Inoltre con – dubbie – accuse di terrorismo, simbolo di ritorsione contro l’attivismo per i diritti umani, sono stati arrestati centinaia di manifestanti, giornalisti e fotografi. Secondo le autorità  rappresenterebbero una “minaccia per l’ordine pubblico” e un “danno per l’unità nazionale”.

In carcere per un tweet

I venti delle primavere arabe che hanno soffiato impetuosi sulla regione del Grande Medio Oriente a partire dal 2011 hanno interessato anche il Bahrain, dove la protesta – promossa in gran parte dalla maggioranza sciita contro la secolare monarchia sunnita – non è però riuscita a far cadere il regime. Oggi in Bahrain si finisce in carcere per un tweet, come è successo al Presidente del Centro per i diritti umani del Paese, Nabeel Rajab: una pena detentiva di cinque anni per quei cinguettii che criticavano le presunte torture nella prigione di Jawal e nelle operazioni militari guidate dall’Arabia Saudita – che del regime bahrainita è importante alleato – nello Yemen. Nella sentenza della Corte d’appello di Manama si legge che Rajab “ha deliberatamente disseminato in tempo di guerra notizie false o maligne, dichiarazioni o voci […] in modo da causare danni alle organizzazioni militari”, “pubblicamente offeso un Paese straniero”, e “insultato membri dell’esercito”. La persecuzioni e le intimidazioni ai danni degli attivisti o degli oppositori del regime si collocano.in un contesto di crescenti violenze da parte delle autorità del Bahrain, che minacciano di arresto chiunque critichi il governo,.soprattutto attraverso i social media.

Bahrain: niente carcere se sposi la donna che hai stuprato 

A rischio anche i diritti delle donne. Il codice penale del Bahrain esonera gli autori di stupri da procedimenti giudiziari nell’ipotesi in cui i violentatori sposino le loro vittime. Mentre nel 2016 il Parlamento ha proposto l’abrogazione completa di tale articolo, il governo ha respinto la proposta; e mentre si fanno spazio riduzioni di pena per gli autori dei cosiddetti crimini d’onore,.nessuna legge vieta la discriminazione di sesso, orientamento sessuale o identità sessuale. Nonostante le numerose denunce di tortura da parte delle guardie carcerarie e degli ufficiali nei confronti dei detenuti,.non c’è stata alcuna presa di posizione da parte delle autorità locali. A nulla sono valsi i richiami del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, del Parlamento Europeo e di altri organi internazionali.

Firma anche tu la petizione

Come può l’artefice di una violenza che si credeva dimenticata dare il nome ad una cattedra che mira invece alla solidarietà tra popoli e religioni? Se indignarsi è lecito, agire è imperativo. Americans for Democracy and Human Rights in Bahrain ha lanciato un appello on-line affinché venga revocata l’intitolazione della cattedra. Firma anche tu!

Perché la cultura e la formazione o sono libere o semplicemente non sono. E non c’è alcuna Sapienza nei soldi di un regime che non rispetta i diritti umani.

 

 

Leggi anche “La Colonna Sonora Delle Dittature È Il Silenzio”: Intervista A Riccardo Noury