sassi di matera

Consigli ed itinerari per visitare i Sassi di Matera senza guida

Se amate predisporre i vostri viaggi da soli, riuscirete facilmente a visitare i Sassi di Matera senza guida, trovando come organizzare una bella escursione. Dopotutto, il rischio peggiore è quello di perdervi tra qualche vicolo, ma dato che l’area di interesse è abbastanza ristretta, sarà facile tornare sul vostro itinerario.

Il centro storico di Matera è stato insignito dall’UNESCO del titolo di “patrimonio mondiale dell’umanità”, nel 1993. Eppure negli anni ’50 il Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi l’aveva definito “vergogna di Italia”, a causa delle condizioni di degrado in cui versava.

Oggi le cose sono cambiate (in meglio) ed ecco dunque l’itinerario giusto per una bella escursione.

La zona dei Sassi è formata da tre quartieri, che danno vita al centro storico della città della Basilicata. I primi due sono chiamati Sasso Caveoso e Sasso Barisano; a questi si aggiunge il terzo, che ha nome rione Civita. In quest’area ci si muove esclusivamente a piedi, e non si tratta di una zona pianeggiante. I vicoli presentano continuamene salite, gradinate e discese; ma questo fa parte del fascino.  Ci saranno molti angoli panoramici da gustarsi mentre si passeggia.

Per dare inizio al vostro tour dei Sassi di Matera senza guida , potete eleggere a punto di partenza piazza San Francesco, nei cui pressi si trovano i parcheggi più ampi. Se volete, fate una prima sosta per visitare la chiesa omonima dedicata al Patrono d’Italia.

Proseguite lungo via Domenico Riodola; la seconda sosta potrebbe essere per ammirare gli interni della chiesa del Purgatorio. Percorrendo tutta la strada arriverete in piazza Pascoli, che ospita palazzo Lanfranchi; qui c’è un belvedere da cui ammirare con un unico sguardo l’intera area dei Sassi.

Finalmente un po’ di riposo: si scende verso la chiesa dei Santi Pietro e Paolo (nota come Paolo Cavoso). E’ il momento di darvi allo shopping nei negozi di souvenir, prima di avventurarvi a scoprire le chiese rupestri e le case – grotte.

Cosa visitare a Matera oltre ai Sassi

Non pensiate di aver concluso la gita: ci sono altre mete da visitare a Matera oltre ai Sassi. Vale la pena di arrampicarsi nel punto più alto della città, il colle Civitas, dove sorge la Cattedrale, costruita sui resti di un monastero benedettino intitolato, come poi la chiesa, a Sant’Eustachio, protettore della città.

Nella centralissima piazza Vittorio, inoltre, potete ammirare il Palombaro Lungo: una cisterna utilizzata fino all’inizio del novecento, oggi visibile sotto la piazza stessa.

Articoli correlati